Come sanificare gli indumenti

Sanificazione vestiti

In caso di indumenti usati, appena acquistati, da lavoro o che abbiamo utilizzato in contesti particolari, la sanificazione dei vestiti può essere necessaria.

Anche nei casi di negozi di abbigliamento dove vi è la possibilità di indossare il capo per prova, si rende necessario sanificare i vestiti.

Cerchiamo di capire perché è importante farlo e quando è opportuno sanificarli e quando non è sufficiente lavarli in lavatrice.

Vediamo allora come disinfettare gli indumenti per renderli puliti e sicuri.

Disinfezione vestiti

Nel caso in cui compri un abito di seconda mano è sempre consigliato lavarlo.

Infatti anche se l’indumento non presenta macchie questo non vuol dire che sia pulito e igienizzato.

Gli abiti non disinfettati potrebbero contenere migliaia di microrganismi patogeni che sono dannosi per la pelle e per la salute.

Non ci sono normative in merito e nemmeno obblighi di legge ma la sanificazione di abbigliamento e di materiali tessili è altamente raccomandata in negozi di abbigliamento, con indumenti che sono stati a contatto con persone positive al covid-19 e in particolari ambienti di lavoro.

Vediamo allora come lavare i vestiti appena comprati per disinfettarli.

Bisogna lavarli separatamente dal resto del bucato di uso quotidiano perché i batteri e germi possono diffondersi sugli altri indumenti.

Per eliminare il grosso dello sporco puoi usare un ciclo breve e a bassa temperatura così da non danneggiare i capi sensibili.

Per procedere con l’igienizzazione e la sanificazione si possono allora adottare diverse tecniche: 

  • Se si tratta di indumenti di lavoro resistenti si può procedere con un lavaggio in lavatrice usando un ciclo di igienizzazione adatto con detergenti disinfettanti.
  • Se abbiamo a che fare con indumenti non troppo delicati, capi bianchi o di materiale non sensibile alle alte temperature possiamo immergerli in acqua bollente con detergenti e prodotti igienizzanti e disinfettanti per qualche ora.
  • Quando si tratta invece di indumenti nuovi, delicati e colorati dovremmo evitare l’uso di prodotti chimici che li possono danneggiare e si può utilizzare un produttore di vapore secco che va usato in un ambiente ventilato. Il calore del vapore secco agisce in 30 minuti contro i virus.
  • Si può lavare a secco presso le lavanderie.
  • In alcuni casi e non per tutti gli abiti si possono usare le radiazioni ionizzanti o le lampade UV-C.

Sanificazione dei vestiti per covid e altri patogeni

Si tratta di una misura precauzionale e di prevenzione del contagio del coronavirus richiesta soprattutto alle attività lavorative che vogliono operare e garantire sicurezza a lavoratori e utenti, come per le strutture sanitarie, ospedaliere e in molti altri ambiti.

Questa è una procedura fondamentale, come quella degli ambienti ma ovviamente la metodica di disinfezione dei materiali tessili è ben diversa da quella degli ambienti e delle superfici.

Le indicazioni generali per sanificare i capi d’abbigliamento sono quelle elencate sopra e valgono anche nei casi di procedure anticovid.

Per quanto riguarda i vestiti da lavoro si possono distinguere quelli ordinari e i dispositivi medici.

Per quanto riguarda l’abbigliamento usato in campo medicale o per gli indumenti in tessuto non tessuto assorbente e polietilene si può procedere con la sterilizzazione mediante ossido di etilene.

Per indumenti in TNT e polipropilene e TNT triaccoppiato si possono utilizzare le macchine per sanificazione dei vestiti, per esempio l’autoclave.

Per tutti gli indumenti da lavoro come DPI e dispositivi medici sarà il fornitore a specificare tutte le informazioni e le schede riferite ai materiali utilizzati e alle procedure necessarie ad eseguire una corretta sanificazione nelle giuste modalità.

Comunque sia la scelta preferenziale è il vapore a secco e si sconsigliano prodotti chimici che oltre ad essere poco sostenibili, potrebbero alterare colori e le caratteristiche delle fibre del tessuto.

Anche le lampade UV possono essere una buona soluzione e hanno un buon rapporto costo beneficio ed efficacia e sono molto rapide.

Le lavanderie professionali sono anch’esse un’ottima soluzione in certi casi particolari.

Armadio per sanificazione vestiti

Una nuova frontiera per sanificare gli indumenti sono gli innovativi armadi sanificanti che permettono di abbattere la carica batterica di tutti i capi che sono riposti nel guardaroba, andando ad eliminare odori e micro particelle nocive presenti al suo interno.

Premendo l’interruttore a fianco dell’armadio si possono azionare i cicli di igienizzazione.

Sono dei sistemi altamente silenziosi e riducono al minimo i consumi energetici.

Sono dotati di lampade UV da sostituire ogni 2 anni circa.

Puoi riporre comodamente i tuoi indumenti all’interno di questi armadi che invece di contenerli passivamente attueranno una disinfezione.