Come fare la sanificazione

Come fare la sanificazione: consigli pratici

Da quando è iniziata la pandemia da Covid-19 molti sono interessati a capire come fare la sanificazione degli ambienti in modo accurato e corretto.

E poiché c’è differenza tra pulire, igienizzare e sanificare, è importante conoscere le differenze e come procedere.

In questa guida ti spiego nel dettaglio le differenze tra i vari tipi di pulizia e come sanificare al meglio sia le superfici che i locali e come igienizzare le mani in modo ottimale.

Vediamo allora come uccidere il coronavirus sulle superfici in modo semplice ed efficace.

Come si fa

Per chi si chiede come si fa la sanificazione della casa, dei locali, nei negozi o anche dei condizionatori ecco una guida dettagliata.

Intanto è importante sapere che quando si parla di pulire si intende la rimozione dello sporco, quando parliamo di disinfettare ci riferiamo alla massima eliminazione di agenti patogeni e quando si parla di sanificare si intende una serie di interventi volti a rendere un ambiente sano.

Grazie al Rapporto ISS COVID-19 n. 12/2021 possiamo capire dettagliatamente cos’è e come avviene la sanificazione degli ambienti.

Da qui capiamo bene la differenza tra:

  1. Pulizia: rimozione dello sporco visibile dove i microrganismi possono replicarsi e annidarsi. Grazie all’azione chimica, fisica e meccanica dell’utilizzo di detergenti neutri si eliminano tali microrganismi.
  1. Disinfezione: si tratta di un processo più complesso dove si devono effettuare diverse azioni volte ad abbattere la carica microbica e virale di una qualsiasi superficie. Tramite l’uso di disinfettanti si ottiene un’azione biocida (morte dei microrganismi) e una eliminazione massiva di batteri, funghi e virus. 
  1. Sanificazione: il suo scopo è rendere un ambiente il più sicuro possibile e richiede una serie di operazioni e procedure specifiche e diverse a seconda del luogo da sanificare. Avviene sempre dopo un’accurata pulizia e disinfezione e si ottiene controllando la ventilazione, la temperatura e l’umidità dell’aria di un ambiente che diventa quindi salubre.

Da notare che molto spesso si ottiene un ambiente salubre con una buona pulizia regolare ma in certi casi sono necessarie procedure sanificanti per controllare il microclima del locale.

Ma vediamo come sanificare un ambiente o una strumentazione.

Effettuare la sanificazione in 3 mosse

Le principali organizzazioni per la salute pubblica concordano con tre step fondamentali per garantire un ambiente il più sicuro possibile in questo senso:

  1. Assicurare un adeguato ricambio dell’aria nel locale.
  2. Pulire con acqua e detergenti le superfici, gli oggetti e le strumentazioni presenti.
  3. Disinfettare con prodotti autorizzati.

L’ISS (Istituto Superiore della Sanità) incoraggia a procedere sanificando le superfici regolarmente e frequentemente, dal momento che il virus responsabile del Covid-19 può sopravvivere su varie tipologie di superfici anche per giorni.

Questo vale sia per il covid ma anche per altri microorganismi.

Ecco che diventa importante procedere con l’igienizzazione accurata e frequente di zone ad alta frequenza di contatto come maniglie, servizi igienici, cellulari, scrivanie, tablet, PC e altro.

Sempre dal rapporto dell’Istituto Superiore della Sanità si evince che pulire con acqua e detergenti neutri e disinfettare con prodotti a base di alcol o ipoclorito di sodio (candeggina per esempio) è utile a ridurre in maniera significativa il numero di virus come il Covid-19.

Anche ricambiare l’aria di un locale è importantissimo.

Ma quali sono i prodotti adatti per sanificare un ambiente?

I principi attivi utili ed efficaci sono l’etanolo, i sali di ammonio quaternario, perossido di idrogeno, ipoclorito di sodio. 

Seguendo le istruzioni sull’etichetta presente sul prodotto si ottiene una corretta disinfezione.

Stai attento però perché non tutti i disinfettanti hanno un’azione virucida (che uccide il virus) e quindi leggendo l’etichetta puoi capire se quel prodotto garantisce un’azione contro i virus o meno.

Idee per igienizzare e sanificare condizionatori, casa e negozi

Ecco alcune idee e consigli per igienizzare e rendere sani e sicuri alcuni luoghi e strumenti come i condizionatori d’aria.

Casa

sanificare casa

In epoca Covid-19 è buona abitudine disinfettare gli ambienti di casa ogni due o tre giorni sempre seguendo le indicazioni date prima: pulizia e disinfezione.

Per difendersi dalle continue varianti di coronavirus è quindi importante avere una buona e accurata pulizia della casa.

Sono spesso sufficienti delle semplici e comuni precauzioni molto simili alle normali norme igieniche sempre valide anche prima della pandemia.

I servizi igienici vanno sempre puliti utilizzando candeggina o prodotti con cloro.

Arieggiare sempre i locali.

L’ipoclorito di sodio diluito allo 0,1% (acqua e candeggina) e l’alcol etilico con una concentrazione al 75% sono raccomandati.

Negozi

sanificare negozio

Si può procedere con una sanificazione fai da te se l’attività non è molto grande, procedendo ogni giorno utilizzando biocidi previsti.

Oppure si possono chiamare ditte specializzate che santificheranno il negozio regolarmente.

Un’altra alternativa potrebbe essere quella di usare dei macchinari per le sanificazioni. Questo permette di essere totalmente indipendenti e di agire in comodità e senza spendere troppo.

La registrazione regolare degli interventi per sanificare effettuati è richiesta per legge.

Anche in questo caso è d’obbligo un buon sistema di ventilazione per fare ricambiare l’aria. 

Condizionatori

sanificare i condizionatori

Per la manutenzione degli impianti è necessario: 

  • Pulire periodicamente i filtri dell’aria.
  • Igienizzare gli apparecchi terminali. 
  • Pulire batterie e vasche di raccolta condensa.
  • Pulire prese e griglie di ventilazione con soluzione di alcol e acqua.

A prescindere dal luogo che vogliamo sanificare, è sempre fondamentale prendere delle precauzioni sempre valide e basilari. 

Una di queste è lavarsi le mani in modo corretto.

Vediamo.

Come disinfettare le mani per eliminare il nuovo coronavirus

sanificare le mani

Il lavaggio accurato delle mani è una buona norma igienica sempre valida ed efficace per proteggersi da vari tipi di infezioni e malattie.

Quali sono le regole per la disinfezione/lavaggio delle mani durante la pandemia?

Fondamentalmente sono le stesse di sempre: le mani vanno lavate a fondo con acqua e sapone per almeno 30 secondi, avendo cura di strofinare bene ogni parte e cioè gli spazi fra le dita, il dorso, il palmo, le unghie e i polsi.

Se non si hanno a disposizione sapone e acqua, un gel igienizzante a base alcolica o del semplice alcool possono eliminare i microrganismi patogeni dalle nostre mani.